QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 12°12° 
Domani 13°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
mercoledì 14 novembre 2018

Attualità venerdì 02 novembre 2018 ore 11:25

Il post della Lega, "Al Pd piacciono i finocchi"

La foto pubblicata su Facebook da "Lega Collesalvetti"

La frase pubblicata sulla pagina Facebook "Lega Collesalvetti" fa infuriare il Pd: "Disarmante volgarità". Luca Tacchi replica: "Parlavo della pianta"



COLLESALVETTI — "Al Pd piacciono i finocchi, ma i cartelli turistici no". La frase, a corredo di una foto che ritrae il leghista Luca Tacchi indicare con una mano un cartello e con l'altra una pianta, è stata pubblicata sulla pagina Facebook Lega Collesalvetti, scatenando l'indignazione del segretario territoriale del Pd Simone Rossi e del segretario comunale Rocco Garufo, che parlano di "disarmante volgarità".

"Il livello dello scontro che ci propinano gli avversari della lega di Collesalvetti - ha commentato Simone Rossi - è sempre più basso di livello, toccando punti di disarmante volgarità, che urtano la moralità e la sensibilità comune.Il tutto in un quadro di aberrante ignoranza che la fa da padrona. A parte il termine utilizzato in modo omofobo e dispregiativo, di vero e proprio stampo razzista che si contesta e si ripudia in toto, ma poi la pochezza dell'argomentazione di fare riferimento a tematiche, in questo caso il turismo, che nulla hanno che vedere con il contesto ma che seguono la sola perdente strada dell'offesa gratuita e dello sterile dileggiamento. Ci si chiede a quando i contenuti? La risposta purtroppo è mai. Quando si entra nel merito l'arroganza e la baldanza avversaria si scioglie come neve al sole. Non ci si deve arrendere mai allo svilimento del dibattito politico ed al decadimento valoriale e sociale che ne fanno parte. L'indignazione è la prima risposta: e questo vale contro ogni forma di discriminazione sociale e politica".

Sul fatto è intervenuto anche il segretario comunale del Pd Rocco Garufo. "Ogni commento su quanto scritto è pressoché inutile e sarebbe persino degradante - ha sottolineato Garufo- La sola risposta che possiamo dare è una politica che guarda al futuro, aperta, costruttiva ed inclusiva. Ora più che mai, serve lavorare ad un progetto che crei un prospettiva seria e duratura, per riunire tutte le anime della sinistra livornese".

La risposta della Lega non ha tardato ad arrivare: "La malizia sta negli occhi di chi guarda - si legge in una nota di Luca Tacchi -La foto è stata scattata su un'area archeologica che stavamo visitando a Torretta Vecchia. Area che di sabato pomeriggio era vuota, che in pochissimi conoscono, che raccoglie le vestigia di una mansio romana.  Area che anziché essere valorizzata è lasciata all'incuria ed al dimenticatoio. Tra cartelli sbiaditi o bruciati dal sole, la natura si sta riprendendo la zona, diventata oramai il ricordo di un ricordo. E davanti ad uno di questi cartelli troneggia una pianta di Foeniculum vulgare, che peraltro indico".

"Se per aver dato luce ad un'area archeologica romana, qualcuno pensa di sacrificarmi sull'altare dell'omofobia - aggiunge Tacchi - me ne farò una ragione".

"Li avrei voluti vedere così scandalizzati per Stagno, per i cittadini con gli alberi caduti in casa che ancora aspettano risposte, per le aree archeologiche abbandonate e per i posti di lavoro e le aziende che non hanno saputo incentivare sul territorio. Forse - conclude Tacchi - dovrebbero prendersi meno sul serio e prendere invece, seriamente, le istanze dei cittadini".

Il post in questione è stato oscurato da Facebook. Tuttavia, il sindaco di Collesalvetti Lorenzo Bacci, prima che venisse rimosso, ha fatto uno screenshot dello stesso, condividendolo e commentandolo sul suo profilo. Qua sotto il post del sindaco.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Cronaca