QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 21°29° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
lunedì 27 giugno 2016

Attualità giovedì 25 febbraio 2016 ore 14:55

"Ecco come salveremo i monti livornesi"

Il Parco di San Rossore riceve e rilancia la proposta: estendere i confini del Parco per includere le aree protette amministrate dalla Provincia

PISA — Dopo la candidatura Unesco il Parco di San Rossore riceve e rilancia una proposta per salvare il Parco dei Monti livornesi

Nei giorni scorsi prima di ricevere la buona notizia dell’ammissione alla fase finale della candidatura, l’Ente Parco aveva scritto alla Regione Toscana proprio su tale argomento.

Dopo lo svolgimento dell’incontro pubblico sul destino delle aree protette prima gestite dalla Provincia di Livorno, alla presenza del consigliere regionale Francesco Gazzetti, di assessori comunali di Collesalvetti e Rosignano, e di tecnici del Comune di Livorno, l’Ente Parco ha accolto con favore la proposta emersa al termine del convegno.
Il presidente del Parco Fabrizio Manfredi ha infatti indirizzato all’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni una lettera in cui, per risolvere i problemi gestionali delle aree protette fino ad oggi amministrate dalla Provincia di Livorno, si ipotizza una estensione a queste ultime dei confini del Parco regionale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli.

La soppressione delle province e il riordino del sistema delle aree protette toscane comportano infatti il solo riconoscimento di aree protette d’interesse regionale.

"In considerazione del fatto che l’Ente Parco già oggi gestisce l’Area marina protetta delle secche della Meloria -commenta Manfredi- un eventuale accorpamento non farebbe altro che completare un quadro di gestione complessiva già in parte delineato e su territori che già godono di speciali regimi di protezione, con possibilità di grandi sinergie, e rilanciare in modo eccezionale il ruolo di questo tratto di costa toscana sia in termini di conservazione, sia di valorizzazione turistica e sociale. Particolarmente stimolante e da valutare con attenzione, anche a questo riguardo, la proposta di mutuare il nome della Riserva Mab, ovvero Selve costiere di Toscana, che rappresenterebbe un fenomenale biglietto da visita di caratura internazionale per questo meraviglioso sistema di aree protette, che andrebbe, seppur con qualche interruzione, da Viareggio fino a a Rosignano".

È una proposta, quella avanzata dall’Ente Parco, che potrebbe sposarsi col percorso intrapreso già da almeno un anno e mezzo attraverso la candidatura, appunto sotto il nome di “Selve costiere di Toscana” di una parte del territorio delle province di Pisa, Lucca e Livorno – e che comprende sia le aree incluse all’interno del Parco, sia aree limitrofe non sottoposte alla sua gestione – a Riserva della biosfera nell’ambito del programma Mab dell’Unesco.
Nei giorni successivi all’invio della missiva, all’Ente Parco sono infatti giunte buone notizie che fanno ben sperare proprio sul fronte Unesco: il ministero dell’ambiente ha comunicato che la candidatura ha positivamente superato il penultimo passaggio prima dell'ammissione, subordinando la definitiva ammissione ad alcune integrazioni e chiarimenti che il Parco invierà nei prossimi giorni. Se tutto andrà come previsto, il 19 marzo a Lima in Perù l’Unesco sancirà la nascita di una nuova importantissima Riserva della Biosfera toscana, una delle dieci d’Italia.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Cronaca