QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 8° 
Domani 6° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
giovedì 13 dicembre 2018

Cronaca mercoledì 11 aprile 2018 ore 11:12

Frode nei trasporti per 40 milioni di euro

La guardia di finanza ha scoperto una complessa frode fiscale. 40 le persone indagate, 7 quelle finite agli arresti domiciliari



LIVORNO — Nell’ambito dell’operazione Olympus condotta dal comando provinciale della guardia di finanza, il gip Marco Sacquegna ha ordinato la custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di tre imprenditori livornesi e quattro loro dipendenti, per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una complessa frode fiscale. Contestualmente, è stato effettuato un sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente di beni per oltre 3 milioni di euro su conti correnti, immobili, denaro, automezzi e quote societarie nella disponibilità di 4 imprese (1 ditta individuale e 3 società) e di 4 degli indagati.

Gli illeciti ipotizzati a carico delle 40 persone fisiche coinvolte riguardano l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti; nei confronti di 8 soggetti è, altresì, ipotizzata l’associazione per delinquere.

Le investigazioni, coordinate dal sostituto procuratore Daniele Rosa e condotte dai finanzieri del 1° Nucleo Operativo del Gruppo di Livorno, hanno consentito di individuare 3 imprese “cartiere, prive di una effettiva capacità patrimoniale, intestate a prestanome ed inottemperanti, di fatto, agli obblighi fiscali, le quali emettevano fatture relative ad operazioni in tutto o in parte inesistenti a favore delle imprese beneficiarie, operanti nel settore del trasporto internazionale di merci per conto terzi, consentendo a queste ultime l’illecita detrazione dell’Iva esposta in fattura ed una parziale indebita deduzione di costi.

Le attività investigative – sviluppatesi mediante intercettazioni di utenze telefoniche, indagini finanziarie e 20 perquisizioni locali (che interessavano le città di Livorno, Cecina, Piombino, Udine, Milano e Marsala) con relativo sequestro e analisi documentale – hanno permesso di individuare 2 società livornesi beneficiarie della frode, con un giro di falsi documenti contabili per oltre 40 milioni di euro, nonché di denunciare, quali attori degli illeciti, 40 persone fisiche.

Le attività svolte dai militari del 1° Nucleo Operativo del Gruppo di Livorno hanno consentito di smantellare, in particolare, un’organizzazione finalizzata ad evadere l’Erario, riconducibile ad un imprenditore livornese, amministratore di fatto delle società beneficiarie del meccanismo di false fatturazioni, destinatario del provvedimento di custodia cautelare degli arresti domiciliari insieme al suo “braccio destro” (nonché legale rappresentante delle società beneficiarie della frode). Ai domiciliari anche un altro imprenditore, rappresentante legale di una società di comodo, e quattro dipendenti, che si ritiene avessero ruoli di rilievo nella frode.

Le investigazioni, iniziate sul finire del 2016, hanno permesso di svelare un articolato sistema di frode all’Iva, attuato attraverso una particolare triangolazione. Le società beneficiarie della frode commissionavano a piccoli imprenditori, i cosiddetti “padroncini”, aventi sede in varie regioni italiane, quali la Toscana, la Calabria, la Sicilia e la Sardegna l’esecuzione per loro conto di trasporti internazionali non imponibili di Iva di prodotti destinati a Paesi esteri (Centro e Nord America, America del Sud, Africa settentrionale e centrale, Cina, ecc.) e consegnati per l’imbarco presso i porti di Livorno e Civitavecchia, dando disposizioni affinché le relative fatture (che non recavano IVA esposta) dovessero essere emesse a favore delle tre imprese “cartiere” (una ditta individuale e due società di capitali), appositamente costituite per “filtrare” tali transazioni commerciali. Successivamente le tre cartiere, ricevute le fatture dai padroncini, emettevano, a loro volta, per le stesse operazioni, nuove fatture (soggettivamente e in parte oggettivamente fittizie) a favore delle ditte beneficiarie della frode, indicando un imponibile gonfiato e l’addebito di Iva. L'iva così indicata sulle fatture emesse dalle cartiere veniva detratta dalle società beneficiarie della frode ma non veniva versata all’Erario dalle “cartiere”, sistematicamente inadempienti agli obblighi fiscali;

Il meccanismo così architettato garantiva alle imprese un elevato profitto, rappresentato da un fittizio credito Iva, che veniva usato per compensare i debiti tributari, oltre che la deduzione di costi gonfiati.

L’attività ha consentito anche di quantificare, per il momento, in oltre 3 milioni di euro il profitto illecito percepito dai membri del sodalizio: il Tribunale di Livorno ha, così, emesso un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del prezzo o profitto dei reati ascritti a ciascun indagato, fino a concorrenza di circa 3,1 milioni di euro.

In sede di esecuzione dei provvedimenti cautelari, che hanno visto l’impiego di circa 30 militari del Corpo, anche con il contributo di finanzieri del Gruppo di Milano, sono stati sottoposti a sequestro 2 immobili, 9 autoveicoli, 2 autocarri, 5 motoveicoli, quote societarie e disponibilità liquide.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità