QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 15°16° 
Domani 12°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
martedì 12 dicembre 2017

Attualità giovedì 30 novembre 2017 ore 17:15

Post alluvione, presentato il piano di assunzioni

Il documento mostrato ai sindacati prevede l'assunzione per un anno di un ingegnere idraulico, tre tecnici e un amministrativo

LIVORNO — Il piano assuntivo straordinario per l'emergenza alluvione è stato presentato nella mattina di giovedì 30 novembre ai sindacati.

Si tratta di un piano che prevede l'assunzione a tempo determinato per un anno di un ingegnere idraulico, 3 unità C-profilo tecnico, un unità profilo C amministrativo che andranno ad operare nel nuovo Dipartimento 1 bis istituito per i lavori pubblici e la gestione dell'emergenza post alluvione, Infrastrutture Stradali e Spazi aperti.

"Dopo tanti incontri e richieste di finanziamento straordinario per la spesa del personale e degli straordinari inspiegabilmente respinte dal commissario Rossi il Comune ha provveduto con risorse esclusivamente proprie ad arginare l'emergenza - così l'assessore al personale Francesca Martini -. Mi dispiace che ci sia stata poca attenzione alle questioni del personale nell'ambito delle misure stanziate per l'alluvione. Finanziare le opere senza tenere conto del personale per far fronte alla progettazione e gestione dei cantieri non ha alcun senso, così come non voler riconoscere gli straordinari dei tanti dipendenti del comune e degli altri enti pubblici che hanno lavorato nei giorni dell'emergenza con impegno e spirito di sacrificio. Con questo piano e con la riorganizzazione della macrostruttura il Comune investe risorse proprie per assumere nel più breve tempo possibile le figure strettamente necessarie, ma auspichiamo che il commissario Rossi possa ritornare sui suoi passi per poter implementare questi interventi”.

"Sul fronte delle politiche del personale stiamo lavorando da tempo sul contratto decentrato che, auspichiamo, venga siglato a breve dai sindacati - ha continuato l'assessore -. Sul piatto l'amministrazione ha messo moltissimo, e per dare stabilità agli impegni auspichiamo pertanto di poter siglare un contratto biennale. Tra essi vi sono lo stanziamento di 2300 euro per ogni agente di Polizia Municipale per la pensione integrativa, a valere sui proventi delle sanzioni al codice della strada (importo di gran lunga più alto tra quelli previsti nella maggior parte dei comuni), il riconoscimento di un indennità a chi svolge attività di front office, la possibilità di far partire nuove progressioni orizzontali per 150.000 euro che si aggiungono a quelle già fatte negli scorsi anni per un totale di oltre 500.000 euro.
Sul fronte delle assunzioni, d'altra parte - il Comune sta dando corso al piano del fabbisogno già varato, e questo mese ha assunto 4 D amministrativi, un ingegnere trasportista e un operaio; stanno per entrare in servizio 6 nuovi vigili, abbiamo assunto due maestre e siamo in procinto di bandire un concorso per maestre da 0-6 anni per 11 posti. Sono stati prorogati inoltre tutti i rapporti dei lavoratori a tempo determinato in corso, sia per la vigilanza urbana che per gli amministrativi del settore entrate, sono state assunte le professionalità (assistenti sociali ed amministrativi) per il Progetto S.I.A. e assunti i primi 14 lavoratori di pubblica utilità (dei 28 complessivi) per il riordino degli archivi comunali".

In aggiunta al piano assuntivo per il 2018, l'amministrazione prevede poi di reperire ulteriori risorse per implementare ulteriormente le assunzioni a tempo indeterminato: "Ad oggi dobbiamo però attendere gli esiti della manovra finanziarie ,e soprattutto, della contrattazione nazionale per il comparto enti locali - ha precisato Martini - che dovrebbe comportare un aumento salariale pari circa a 85 euro a dipendente. Per questo siamo stati costretti ad accantonare 1.200.000, visto che non sappiamo ancora se e quanto il Governo stanzierà per gli aumenti. In aggiunta a questo abbiamo assunto 28 lavoratori di pubblica utilità per il riordino degli archivi sulla base di un bando regionale del 2016 per l'area di crisi. L'auspicio - conclude l'assessore - è ovviamente di poter dar seguito anche a questo progetto che purtroppo perònon è stato rifinziato dalla regione nel 2017".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

Attualità

Attualità