QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 12°23° 
Domani 12°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
mercoledì 25 maggio 2016

Cronaca lunedì 18 gennaio 2016 ore 12:13

Spaccio di droga, due arresti

Due livornesi arrestati dalla Guardia di Finanza, sequestrati oltre 800 grammi di hashish. La droga era nascosta in un armadio

LIVORNO — Continuano in maniera incessante, recependo anche le indicazioni dell’Autorità di Governo a livello locale, condivise in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, le attività di controllo del territorio nella provincia labronica.

In tale ambito, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno hanno intensificato, tra l’altro, le azioni volte al contrasto al traffico e consumo delle sostanze stupefacenti.

Lo scorso 12 gennaio, nel corso di attività di perlustrazione nel capoluogo, i finanzieri del Gruppo hanno individuato e fermato un livornese più volte visto frequentare soggetti già noti come consumatori di dette sostanze.

L’uomo, un cinquantenne, fermato per un controllo, è stato immediatamente “segnalato” dall’unità cinofila delle Fiamme Gialle: il cane, ben addestrato, ha “fiutato” nelle tasche del giubbotto dell’interessato residui di hashish.

I militari hanno, quindi, proseguito le attività presso l’abitazione del soggetto controllato, giungendo al rinvenimento di circa 840 grammi di hashish nonché di attrezzature idonee alla preparazione di dosi dello stupefacente.

Lo stupefacente era stato occultato in varie stanze dell’appartamento. La parte più consistente, circa 500 grammi, era nascosta in un armadio, sotto i vestiti della convivente dell’uomo, anch’ella livornese, mentre una parte è stata facilmente individuata sul piano di lavoro della cucina, ove era allocata unitamente ad un bilancino elettronico, un coltellino ed un taglierino.

I militari hanno quindi proceduto al sequestro dello stupefacente e degli attrezzi rinvenuti, traendo in arresto, debitamente informata la Procura della Repubblica alla sede, entrambi i soggetti.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Politica

Attualità

Attualità