QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 24°25° 
Domani 19°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
domenica 24 luglio 2016

Attualità mercoledì 03 febbraio 2016 ore 17:50

Mare d'inverno? A Livorno si può

Torna per il quinto anno consecutivo l’iniziativa che prevede l’apertura straordinaria e gratuita degli stabilimenti in periodo invernale

LIVORNO — Cresce quest’anno l’offerta globale dell’iniziativa Sui Bagni d’inverno, ovvero l’apertura straordinaria degli stabilimenti balneari del litorale livornese in periodo invernale e primaverile.
Salgono infatti a 11 i gestori degli stabilimenti che apriranno gratuitamente quest’anno i cancelli delle loro strutture a partire da sabato 6 febbraio fino al 30 aprile. E con la loro apertura più prolungata ( non più quindicinale ma di tre settimane) ed anche contemporanea ( più stabilimenti aperti nello stesso periodo) anche la possibilità per alcuni bagni di usufruire del bar, ristorante, e servizi vari.

Ma quali sono le novità che contraddistinguono l’edizione 2016 di “Sui Bagni d’inverno” rispetto alle edizioni passate? ( L’iniziativa viene proposta dal 2011).

Innanzitutto, come detto, un numero più alto di gestori di stabilimenti che fanno capo al sindacato SIB (Sindacato Balneari Confcommercio) e FIBA (Confesercenti). Aderiscono: Bagni Pancaldi, Bagni Fiume, Bagni Rogiolo, Bagni Roma, Bagni Onde del Tirreno,Bagni Rex, Bagni Lido, Bagni Nettuno, Bagni Tirreno, Bagni Cala Bianca, Bagni Paolieri. In pratica tutti i gestori degli stabilimenti della costa, sia della zona urbana che di Quercianella, si sono resi disponibili ed hanno garantito l’apertura delle loro strutture sulla base della programmazione annuale dei lavori di manutenzione .

Altra novità la concentrazione delle aperture invernali nei mesi di febbraio, marzo e aprile considerato che l’afflusso più rilevante registrato negli anni passati è stato il periodo primaverile (marzo/aprile) con minor frequenza nei mesi più rigidi invernali (gennaio/febbraio).

Si amplia inoltre la soglia minima di apertura di ogni stabilimento. In pratica non più due settimane a rotazione, ma tre settimane, e l’apertura anche contemporanea di due o più stabilimenti ubicati in zone diverse per offrire maggiori alternative alla città e diminuire gli spostamenti. E’ in fase di organizzazione l’apertura di più stabilimenti per Pasqua e Pasquetta ( 27 e 28 marzo).

 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca