QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 10°13° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
sabato 17 novembre 2018

Cronaca martedì 26 giugno 2018 ore 12:07

Tarsu, Tia e Imu, un milione di euro non versati

Il reparto operativo aeronavale della guardia di finanza tira le somme sugli ultimi 11 mesi di attività. Sequestrate 1500 tonnellate di rifiuti



LIVORNO — Oltre 1,2 milioni di tasse non versate, 1500 tonnellate di rifiuti sequestrati e 1200 missioni operative. Sono i numeri sulle principali attività di servizio svolte, dal reparto operativo aeronavale della guardia di Finanza dal giugno 2017 ai primi 5 mesi del 2018.

I dati sono stati resi noti in occasione del 244esimo anniversario della fondazione del corpo.

Il reparto operativo aeronavale è stato impegnato, in attività di ordine e sicurezza pubblica nelle varie province costiere della Toscana, in oltre 200 attività disposte delle questure e nella sorveglianza delle aree marine confinanti con le zone protette nell’ambito del protocollo operativo d’intesa con l’ente Parco nazionale dell’arcipelago toscano.

Complessivamente sono state effettuate oltre 1200 missioni operative impiegando sia mezzi navali che mezzi aerei; percorse più di 51mila miglia nautiche effettuando oltre 4400 ore di moto e 540 ore di volo; controllate circa 610 imbarcazioni da diporto di vario tipo; riscontrate 210 violazioni amministrative ed elevati verbali per oltre 200mila euro.

Sul fronte delle attività di polizia economica e finanziaria le fiamme gialle hanno accertato il mancato versamento di Tarsu/Tia e Ici/Imu per oltre 1.230.000 euro da parte di soggetti economici presenti lungo la fascia demaniale costiera (stabilimenti balneari, bar, ristoranti, circoli velici ecc.).

Per quanto riguarda gli illeciti doganali, i controlli effettuati in collaborazione con le locali agenzie delle dogane hanno portato al sequestro di due imbarcazioni del valore complessivo di 1.550.000 euro e alla constatazione di oltre 300mila euro di Iva dovuta all’importazione.

Numerosi sono stati, infine, gli interventi per la scoperta di illeciti nel settore ambientale e demaniale che hanno portato alla denuncia di 8 soggetti per occupazione abusiva di spazi demaniali marittimi, in alcuni casi adibiti a discariche abusive, sequestrando circa 8mila metri quadri di aree e 1500 tonnellate di rifiuti di vario genere, segnalando le irregolarità riscontrate ai fini dell’applicazione dell'Ecotassa.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità