QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 15°21° 
Domani 13°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
lunedì 23 ottobre 2017

Attualità sabato 17 giugno 2017 ore 16:55

Torna l'operazione Mare sicuro

Come ogni anno, con l'inizio della stazione estiva la guardia costiera intensifica i controlli. 4.500 Le verifiche effettuate lo scorso anno

LIVORNO — Riparte l’operazione Mare sicuro. È il 26esimo compleanno di una campagna che si svolge nel periodo estivo, a tutela della sicurezza marittima, del mare e delle sue risorse, con uno straordinario impegno di uomini e mezzi, in aggiunta al normale assetto tecnico-operativo della guardia costiera toscana.

L’operazione andrà avanti per i prossimi tre mesi, fino al 17 settembre. Mare Sicuro prevede un importante dispositivo di risorse, messo in campo per far fronte alla stagione balneare, nella quale il bisogno di sicurezza e prevenzione in mare, nei litorali e nei porti cresce in maniera esponenziale. “L’attività di prevenzione – ha affermato l’ammiraglio Di Marco, direttore marittimo della Toscana - viene garantita dalla Guardia Costiera, ma passa anzitutto attraverso lo sviluppo di un approccio consapevole da parte dell’utenza, improntato al buon senso. Per questo risulta decisiva la collaborazione di soggetti quali i gestori degli stabilimenti balneari, gli assistenti ai bagnanti, i presidenti dei circoli nautici, i gestori dei porti turistici e, non ultimi, i media con la loro opera di informazione”.

 Prende il via anche una nuova edizione dei Campi giovani, un progetto che quest’anno si ripete per la nona stagione e che permette ai ragazzi tra i 15 e i 22 anni di trascorrere una settimana a diretto contatto con gli uomini della Guardia costiera, seguendone il lavoro e partecipando alle attività. 

La fase esecutiva dell’operazione Mare Sicuro avrà inizio il 17 giugno: vigilanza intensa in mare sul rispetto delle regole, a 360 gradi, soprattutto per garantire sicurezza alle zone riservate alla balneazione, ispezioni continue a terra presso le strutture turistico balneari per il controllo delle dotazioni e del servizio di salvamento, ma anche tutela ambientale e controlli a salvaguardia delle risorse del mare, incluse quelle ittiche. Un’attenzione particolare viene rivolta al rispetto della prescrizioni relative alla fascia di mare prioritariamente destinata alla balneazione e alla distanza minima che le imbarcazioni devono tenere rispetto alle boe che indicano la presenza di subacquei in immersione, con tolleranza zero nei confronti delle condotte difformi, che mettono a serio pericolo l’incolumità dei bagnanti. E ancora, controlli alle unità dedicate al trasporto passeggeri: non solo traghetti e navi da crociera, ma anche imbarcazioni adibite alle minicrociere.

4.500 le verifiche effettuate lo scorso anno. 54 i militari, 11 i mezzi nautici, 11 le postazioni “Mare Sicuro” dedicate, con capacità d’impiego immediato e versatile nelle località a maggiore vocazione turistica, isole comprese. Questo è il dispositivo agli ordini del direttore marittimo, contrammiraglio Vincenzo Di Marco e che lo scorso anno ha fornito un apporto operativo notevole, contribuendo a salvare 110 persone e soccorrere 40 imbarcazioni. Assetto che si affianca all’ordinario apparato di 35 motovedette dislocate a maglia su tutto l’arcipelago Toscano. Oltre 14mila i controlli effettuati nella stagione 2016, molti dei quali nei confronti dei diportisti, premiati con 1.700 bollini blu. L’iniziativa sarà replicata anche in questa stagione, con l’obiettivo di evitare la duplicazione dei controlli da parte delle forze di polizia operanti in mare. La Guardia Costiera di Livorno è coordinatrice dell’attività in tutta la Toscana. È stata anche rammentata l’importanza dell’utilizzo del numero di emergenza gratuito della Guardia costiera, il 1530, attivo 24 ore su 24 su tutto il territorio nazionale, che permette di contattare immediatamente -senza filtri- la Capitaneria di porto più vicina e ricevere altrettanto immediata assistenza in mare. La Direzione Marittima di Livorno, anche quest’anno, porterà avanti una campagna di comunicazione in tutta la Toscana, per diffondere in maniera capillare la conoscenza del cosiddetto numero blu. L’intensa attività di promozione condotta negli ultimi anni ha dato ottimi esiti, considerato che la percentuale delle segnalazioni di emergenza pervenute alle Capitanerie della Toscana, tramite il 1530, è in costante crescita, con il risultato di abbreviare in modo determinante i tempi di risposta dell’organizzazione preposta a fronteggiare le emergenze in mare.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca