comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
LIVORNO
Oggi 25°28° 
Domani 22°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
lunedì 03 agosto 2020
corriere tv
Il nuovo ponte di Genova, il «film» della costruzione

Attualità venerdì 31 luglio 2020 ore 09:17

Foca monaca, richiesta di ampliare l'area protetta

foca monaca
Foca monaca
Foto di: Sito web Santuario Pelagos

Parco e Comune chiedono al ministero di estendere l'area fino a 6 miglia. Legambiente sostiene la richiesta dei due enti per tutelare l'habitat marino



ISOLA DI CAPRAIA — Il 23 luglio la Giunta Comunale di Capraia ha approvato all’unanimità la delibera "Accordo ex Art. 11 1 41/90 tra Ente Parco Nazionale, Comune di Capraia Isola, e pescatori locali che operano nell'area marina protetta individuata come estensione a mare del parco – misure opportune per tutelare la specie Foca monaca nelle acque intorno all'Isola di Capraia" con la quale ha deciso di proporre al Parco Nazionale Arcipelago Toscano di «allargare il perimetro dell’area marina protetta a 6 miglia nautiche dalla linea di costa".

Lo rende noto Legambiente Arcipelago toscano che spiega  che la "delibera prevede anche di attivare immediatamente una stretta collaborazione con il Parco Nazionale Arcipelago Toscano per supportare le ricerche scientifiche già avviate e per concordare le misure ritenute più opportune per tutelare la specie Focamonaca (Monachus monachus) nelle acque intorno all’Isola di Capraia, anche ai fini di un lancio dell’Isola di Capraia come destinazione privilegiata per un turismo naturalistico legato alla presenza di questo mammifero marino". 

Il Comune inoltre con la delibera il Comune chiede al Parco Nazionale Arcipelago Toscano l’immediata individuazione di una zona da destinarsi alla pesca in sostituzione di quella sottratta da destinarsi alla tutela della foca monaca, da individuarsi tra la punta della Manza e la punta del Fondo e l’attivazione di un tavolo di lavoro congiunto che abbia l’obiettivo di rivedere la zonizzazione a mare dell’area naturale protetta in modo tale da garantire la salvaguardia dell’habitat della Foca monaca e contestualmente il rispetto delle condizioni per poter consentire le attività antropiche condotte a mare che rappresentano un importante sostegno all’economia locale capraiese.

Una richiesta prontamente accolta dal Direttivo dell’Ente Parco che, come spiega Legambiente, nella seduta del 30 luglio, ha approvato all’unanimità la delibera "Proposta di modifica del decreto istitutivo del Parco Nazionale Arcipelago Toscano DPR 22 luglio 1996 con riferimento alla perimetrazione dell’area protetta a mare dell’Isola di Capraia" . 

Nella delibera il Parco accoglie la richiesta del Comune che chiede il raddoppio della parte a mare protetta che finora si estende su circa 168 km quadri e a 3 miglia nautiche dalla costa.

Legambiente spiega che il direttivo del Parco Nazionale, dopo aver richiamato le diverse protezioni italiane ed europee e internazionali che interessano il mare di Capraia e l’eccezionale e preziosa biodiversità dei suoi fondali, sottolinea che "la pesca a strascico è ritenuta essere spesso il più significativo elemento di disturbo dei fondali marini, con conseguenze molto variabili; detta pesca infatti può modificare la fisica dei sedimenti, alterando i processi chimici in atto, può avere impatti diretti (prelievo e distruzione) o indiretti (alterazione di habitat) con comunità di invertebrati e vertebrati bentonici, con riduzione in consistenza, biomassa, taglia e produttività, composizione specifica dei popolamenti' e valutata la necessità di ridurre questo tipo di disturbo agli ecosistemi profondi che circondano l'Isola di Capraia".

Ma soprattutto, prosegue Legambiente anche il Direttivo del Parco prende atto "della recente segnalazione della presenza della Foca monaca (Monachus monachus), considerata a livello globale “Critically endargered”; in Italia la specie è classificata “Carente di Informazioni (DD)” in quanto gli avvistamenti registrati non sono sufficienti per la valutazione dell'effettiva presenza di una popolazione residente' e ricorda che 'In Italia la foca monaca gode di protezione assoluta con monitoraggi attivi e passivi su tutto il territorio nazionale".

A Capraia la Foca monaca era scomparsa e il Parco evidenzia che la sua ricomparsa nell’Area marina protetta rappresenta "Una situazione di straordinario valore conservazionistico, completamente inaspettata e imprevedibile dopo circa 60 anni di mancati avvistamenti presso l’Isola di Capraia".

Il Direttivo del Parco Nazionale ha ritenuto, accogliendo la richiesta avanzata dal Comune di Capraia Isola, che "Sia opportuno proporre un ampliamento del perimetro dell'attuale area protetta a mare dell'Isola di Capraia a 6 miglia nautiche dalla linea di costa" e ha quindi deliberato all’unanimità: "1. di ritenere prioritaria la tutela degli ecosistemi marini litoranei compresi all'interno del perimetro del Parco Nazionale Arcipelago Toscano presso l'Isola di Capraia; 2. di evidenziare l'importanza, ai fini della tutela delle risorse dei sistemi fitali, degli altri sistemi pelagici e bentonici profondi, da mantenere in un buono stato di conservazione, al fine di ridurre e di contenere le minacce che vanno ad interferire direttamente o indirettamente con le specie e gli habitat protetti; 3. di adottare le misure ritenute più opportune per tutelare la specie Foca monaca (Monachus monachus) nelle acque intorno all’Isola di Capraia; 4. di richiedere al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare l’immediata attivazione delle procedure per estendere il perimetro dell’area protetta a mare dell’Isola di Capraia fino a 6 miglia nautiche dalla linea di costa, secondo la proposta cartografica che si allega al presente provvedimento per farne parte integrante e sostanziale".

Una richiesta, come segnalano da Legambiente, che verrà presentata al ministro dell’ambiente Sergio Costa durante la sua prossima visita nell’Arcipelago Toscano e il rappresentante delle Associazioni ambientaliste nel Direttivo del Parco, Umberto Mazzantini di Legambiente, ha subito invitato il Presidente Gianpiero Sammuri a "Chiedere al ministro di riavviare l’iter per l’istituzione dell’Area marina protetta dell’Arcipelago Toscano, prevista da ben 38 anni e mai realizzata, Anche perché la nuova Direttiva Biodiversità dell’Unione europea prevede che gli Stati membri proteggano almeno il 30% del loro mare. I tempi sembrano finalmente maturi, dato che la Comunità del Parco dell’Arcipelago Toscano ha approvato a grande maggioranza la richiesta di riavviare l’iter per l’istituzione di un’Area marina protetta che, come dimostra l’esperienza di Capraia – che non dimentichiamolo era la roccaforte degli anti-parco - tutela non solo l’ambiente ma anche i pescatori e l’economia turistica e che ha fatto ritornare la Foca Monaca".   



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca