Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:LIVORNO17°  QuiNews.net
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
mercoledì 03 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Amadeus e la gag del 'piccolo' Fiorello: «Mi sono ristretto, mi hanno lavato male»

Cronaca domenica 21 febbraio 2021 ore 09:33

Apparecchi hi-fi, monete da collezione e droga

Due uomini denunciati per ricettazione, uno dei quali anche per spaccio di sostanze stupefacenti, a seguito dei controlli disposti dalla Questura



LIVORNO — Mattinata di controlli intensi, quella di ieri, per gli uomini della Polizia di Stato - Squadra Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e del Reparto Prevenzione Crimine Toscana, che in via de Larderel hanno fermato due persone notate in atteggiamenti sospetti, sospetti in entrambi i casi poi confermati.

Il primo uomo fermato è stato un cittadino filippino di 43 anni, risultato residente a Livorno e in regola con il permesso di soggiorno, che è stato denunciato per ricettazione. A seguito di perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di 19 monete di interesse numismatico, un piatto in rame, un telefono cellulare, un  subwoofer, una stampante, due speaker, 6 batterie ad altissima capacità, un tablet e un cannocchiale. Il tutto, ritenuto dai poliziotti di presumibile provenienza illecita, è stato sottoposto a sequestro penale.

L’altro straniero controllato è stato un tunisino di 38 anni. Sottoposto a perquisizione personale e domiciliare è stato trovato in possesso di circa 95 grammi di hashish, 4 grammi di eroina e un grammo cocaina, oltra a 2 bilance di precisione, un telefono cellulare, un orologio da polso e materiale vario di profumeria, cosmesi ed igiene personale di presumibile provenienza illecita. Il 38enne è stato denunciato in stato di libertà per ricettazione e per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, nonché per non aver rispettato l’ordine dell’Autorità di lasciare il territorio nazionale. Messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione ai fini dell’esecuzione dell’espulsione dallo Stato, è ora in attesa dell'accompagnamento coatto verso un Centro di Permanenza e Rimpatrio.

In tutto, nella mattinata di ieri, i controlli disposti dalla Questura hanno portato all'identificazione di 26 persone. Sedici le vetture fermate, con 4 sanzioni per violazioni al codice della strada e 2 veicoli sottoposti a fermo amministrativo.

La Questura ha diffuso le immagini dei beni sequestrati: ipotizzando siano provento di furto, sperano che i legittimi proprietari si facciano avanti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Cronaca