Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:LIVORNO16°  QuiNews.net
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Letizia Moratti balla e canta con Ivana Spagna sulle note di «The Best»

Cronaca sabato 24 febbraio 2024 ore 09:11

Recuperati 1,5 milioni dovuti al fisco

La Guardia di Finanza ha effettuato dei controlli su una società appartenente ad un gruppo multinazionale scoprendo delle irregolarità



LIVORNO — Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria labronico ha effettuato una complessa ed articolata verifica fiscale nei confronti di una società per azioni del territorio.

Le attività di controllo, incentrate sull’esame della documentazione contabile ed extracontabile acquisite e/o richieste alla parte durante le operazioni di verifica, hanno consentito di individuare irregolarità in materia di fiscalità internazionale nell’ambito del cosiddetto transfer pricing, come spiega la Guardia di Finanza in una nota.

Il transfer pricing, come evidenzia la Guardia di Finanza, costituisce un fondamentale strumento tecnico-amministrativo per la corretta ripartizione dei risultati di esercizio prodotti da più imprese, appartenenti ad un medesimo gruppo multinazionale, collocate in differenti paesi.

La locuzione “prezzi di trasferimento” si riferisce a quei valori, concordati tra i componenti del gruppo societario, che dovranno essere incassati o versati a fronte della cessione di un bene o della prestazione di un servizio, nella prospettiva di ottimizzare l’iniziativa imprenditoriale.

Tuttavia, tali prezzi di trasferimento devono essere tassativamente determinati rispettando il principio di libera concorrenza, cioè corrispondere a quelli che un’impresa indipendente avrebbe normalmente e razionalmente adottato nelle stesse condizioni di mercato.


I militari del locale Nucleo P.E.F. hanno quindi effettuato un’articolata analisi di transfer pricing, condotta con specifico applicativo informatico in uso al Corpo, oltre che coordinandosi con i competenti Uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Sono state quindi evidenziate delle irregolarità in ordine ai prezzi di trasferimento, non sempre determinati secondo il principio della libera concorrenza. 

Ciò ha consentito di rilevare violazioni ai fini dell’I.Re.S. e dell’I.R.A.P. riguardanti la presentazione delle rispettive dichiarazioni annuali, avendo la società omesso di indicare, negli anni di imposta dal 2016 al 2019, consistenti importi di elementi positivi di reddito.

A seguito della attività ispettiva della Guardia di Finanza, la società ha quindi ritenuto di aderire al processo verbale di constatazione delle Fiamme Gialle ed al conseguente accertamento con adesione dell’Ufficio, ottemperando al versamento di ben 1.423.162,00 euro nelle casse dello Stato.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I carabinieri sono intervenuti sul posto ma il giovane ha cercato di opporre resistenza ed è quindi stato denunciato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità