Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:LIVORNO12°  QuiNews.net
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Johnson&Johnson, l'immunologa Viola: «Nessun trambusto. Nessun caso sugli over 60»

Politica venerdì 26 febbraio 2021 ore 08:00

"Drastico calo dei controlli ambientali"

Irene Galletti (M5s)

La consigliera regionale M5s Galletti denuncia la carenza di personale Arpat, ricordando che "le grandi opere necessitano di attenta vigilanza"



LIVORNO — “Il Partito Democratico boccia l’emendamento collegato al Defr che chiedeva di finanziare un piano di assunzioni straordinario per superare le carenze del Piano triennale del fabbisogno di personale (Ptfp) aggiornato ad inizio 2020. Prendo atto che il crollo dei controlli ambientali per carenza di personale Arpat interessa poco a chi governa la nostra regione”. Così Irene Galletti, presidente del gruppo Movimento 5 Stelle in Toscana, commenta l’esito negativo del voto in aula per l’atto volto, nelle intenzioni dei cinquestelle, "a porre rimedio alla carenza cronica di personale Arpat e che ha portato alla drastica diminuzione di controlli ambientali negli ultimi 5 anni".

“Sono molte le grandi opere infrastrutturali previste nei prossimi anni in Toscana - ha ricordato Galletti -, progetti di grande impatto che necessiteranno di un’attenta vigilanza. Penso ad esempio al Corridoio Tirrenico o alla Darsena Europa, e potrei citarne molte altre ancora. Progetti il cui sviluppo dovrà procedere tenendo in considerazione il rispetto delle misure ambientali, della legalità e di tutti i fattori che possono incidere sullo stato di salute dei cittadini e del territorio. Ma chi potrà farlo se Arpat, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, appare oggi come un ente in via di dismissione?”

“Parliamo di un’Agenzia strategica per la nostra Regione - prosegue la consigliera regionale cinquestelle -, che in 10 anni ha perso oltre 150 unità, tra tecnici della prevenzione, chimici, ingegneri, biologi e diverse altre professionalità. Rimangono appena 630 operatori, amministrativi e precari compresi, a coprire tutte le necessità del territorio toscano. Una riduzione di personale che negli ultimi cinque anni ha prodotto un evidente calo delle attività di monitoraggio ambientale: le ispezioni sono diminuite (-10%), i pareri emessi dall’Agenzia sono calati in maniera drastica (-20%), minori campioni analizzati (-10), un crollo del controllo delle emissioni in atmosfera (-75%), degli impianti di gestione rifiuti (-52%), del rumore (-67%), degli scarichi industriali (-49,6%) e dei campi elettromagnetici (-30%)”.

“Tutto questo - conclude Galletti - è estremamente grave se messo in relazione ai vari fatti di cronaca che, negli ultimi tempi, testimoniano una netta proliferazione di attività illecite intorno alla mancata vigilanza: vedi ad esempio la recente inchiesta giudiziaria relativa alle 5mila tonnellate di liquami sversate illegalmente in fognatura in provincia di Livorno. Purtroppo l’esito del voto in aula sottolinea la poca attenzione alla questione ambientale di chi governa la Toscana. Le giuste richieste che arrivano, non solo dal Movimento 5 Stelle, ma dalle sigle sindacali che da tempo sottolineano l’inadeguatezza del piano triennale rimangono inascoltate. E se all’emergenza sanitaria e finanziaria ne seguirà anche una ambientale come farà il Partito Democratico a chiamarsi fuori dalle proprie responsabilità?”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'Asl nord ovest rende noti i dati che fotografano le ultime 24 ore sul fronte Covid in provincia di Livorno. Nuovi contagi a quota 68
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca