Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:46 METEO:LIVORNO14°  QuiNews.net
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
lunedì 01 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La gioia incontenibile di Laura Pausini per il Golden Globe

Attualità giovedì 05 dicembre 2019 ore 14:13

Cinquanta diffide per morosità colpevole

Accordo operativo tra Comune e Casalp. 15 giorni per concordare un piano di rientro. Altre diffide partiranno nelle prossime settimane



LIVORNO — Partiranno nei primi giorni della prossima settimana le prime 50 diffide ad adempiere, rivolte agli assegnatari morosi di alloggi Erp. Lo annuncia il Comune di Livorno.

"Sono i primi frutti dell'accordo operativo per il contrasto al fenomeno della morosità colpevole nelle case popolari sottoscritto da Comune e Casalp nel mese di ottobre - sottolinea il Comune-. Accordo che, secondo le previsioni degli uffici, porterà all'avvio di 100 procedimenti di decadenza nei prossimi mesi".

"Voglio invitare coloro che riceveranno queste prime diffide a prendere contatto immediatamente con Casalp, raccomanda l’assessore al Sociale e Politiche Abitative Andrea Raspanti -. Una volta scaduti i 15 giorni stabiliti per la sottoscrizione di un piano di rientro, la pratica sarà trasmessa all'ufficio casa per l'avvio dell'iter di decadenza. A quel punto, per mantenere l'alloggio sarà necessario pagare l'intero debito, senza alcuna possibilità di rateizzazione. Dopodiché, scaduti i termini sarà revocata l'assegnazione. Spero che nessuno sottovaluti queste comunicazioni. L'abbiamo detto e lo ribadiamo: facciamo sul serio, vogliamo riaffermare il principio elementare per cui ognuno è chiamato a contribuire, in base alle sue possibilità, ai servizi di cui beneficia".

A queste prime diffide se ne aggiungeranno altre nelle prossime settimane.

"Stiamo facendo verifiche molto puntuali sulla situazione di ogni assegnatario - conclude Raspanti-. Insieme a Casalp abbiamo anche avviato un lavoro di approfondimento per valutare gli effetti dell'applicazione di quanto previsto dall'art. 38 della legge regionale 2/2019, per cui nei Comuni che vivono una forte tensione abitativa il limite Isee per il mantenimento dell'assegnazione può essere abbassato dalle attuali 36.151, 98 euro fino a un massimo di 27.000 euro. Non vogliamo prendere decisioni ideologiche, ma valutare gli effetti concreti di un simile intervento".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità