Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:LIVORNO21°25°  QuiNews.net
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
martedì 22 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Finale Europei Roma? Non in Paesi ad alto contagio»

Lavoro martedì 13 aprile 2021 ore 10:52

L'export agroalimentare è più forte della pandemia

Volano le esportazioni dei prodotti agricoli livornesi: il 2020 è un anno da record. I dati Istat e l'analisi di Coldiretti



LIVORNO — L'export dei prodotti agricoli che sorgono dalla terra labronica è più forte della pandemia. Lo dice un'analisi di Coldiretti, basata sui dati Istat. I numeri parlano del 2020 come un anno da record sul fronte delle esportazioni in campo agroalimentare con 190 milioni di euro di prodotti esportati nel mondo: il 5 per cento in più rispetto ad un anno prima. 

I dati sono ancora provvisori ma, secondo Coldiretti "Il travagliatissimo 2020 si chiuderà con circa 9 milioni di euro di prodotti venduti in più oltre confine a conferma di un percorso di crescita che dal 2016 è stato costante, graduale e senza particolari intoppi". 

In rallentamento invece le importazioni (-12%) con 116 milioni di euro di prodotti entrati in provincia di Livorno. “Anche nell’anno della pandemia – analizza Simone Ferri Graziani, presidente Coldiretti Livorno – il nostro agroalimentare ha continuato a crescere. Il terreno perso nel secondo, -17%, e terzo trimestre, - 11%, è stato ampiamente compensato da un ottimo primo e quarto trimestre rispettivamente con un + 33% ed un + 23%. Il quadro è molto incoraggiante considerando il contesto mondiale. In questo anno senza precedenti a crescere sono state le esportazioni di Made in Italy dell’agroalimentare e delle medicine mentre gli altri settori hanno fatto fatica. La produzione delle imprese del comparto alimentare ha tenuto e ha dimostrato resilienza di fronte alla crisi. Il 2020 è stato il miglior anno di sempre. E’ un dato sorprendente”.

"Dal 2016 ad oggi  - spiega Coldiretti- le esportazioni di prodotti agricoli ed agroalimentare sono aumentate del 23% passando da 153,5 milioni di euro a 190 milioni di euro. Il mercato più importante resta quello del contesto economico europeo con 95,5 milioni di esportazioni (+12%) con la Germania (+15%) che da sola vale 30 milioni di euro come mercato di riferimento. Bene anche le esportazioni verso il Regno Unito (+16%) e verso l’America del Nord dove Stati Uniti e Canada insieme importato 44 milioni di euro di prodotti agricoli (+19%). In sofferenza il mercato asiatico (-10%) per un valore di circa 2 milioni di euro in meno di export".

Con 22 prodotti agroalimentari tradizionali censiti a fianco di una straordinaria produzione vitivinicola di grande qualità, il Made in Livorno contribuisce alla crescita costante del Made in Tuscany nel mondo. “I mercati stranieri hanno sviluppato una sempre maggiore cultura della qualità andando alla ricerca di prodotti legati, non solo a marchi riconosciuti, ma in particolare ai piccoli territori, alla tradizione e alla cultura contadina di cui la nostra regione è straordinariamente ricca. – spiega ancora Ferri Graziani – A fianco dei grandi gruppi organizzati, che hanno quindi una naturale propensione alle esportazioni, è decisamente in crescita il numero di imprese che hanno iniziato ad affacciarsi su mercati diversi da quelli tradizionali a conferma che c’è consapevolezza più matura rispetto a qualche anno fa. Il nostro paese deve ripartire dal suo agroalimentare e da ciò che meglio sa fare: cibo di qualità con una identità precisa ed non replicabile”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' successo in Via Gino Graziani. Intervento urgente sulla condotta idrica DN 700 che approvvigiona la zona sud della città
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cultura

Cronaca

Cronaca