Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:54 METEO:LIVORNO15°21°  QuiNews.net
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tragedia sul set, Alec Baldwin spara e uccide la direttrice della fotografia

Cronaca martedì 28 settembre 2021 ore 13:12

Livorno piange la scomparsa di un noto medico

Per molti anni ha lavorato all'ospedale di Livorno. Il cordoglio dell'Asl e del presidente del collegio di primari: "Non ti dimenticheremo mai"



LIVORNO — Medicina in lutto. E' morto il dottor Paolo Bernini, per molti anni in servizio nella Radioterapia Oncologica dell’Ospedale di Livorno.

Per mezzo di una nota l’Asl Toscana nord ovest esprime cordoglio per la scomparsa del noto medico. "Alla famiglia  -scrive l'azienda sanitaria- giungano le condoglianze del direttore dell’Area Medicina Nucleare, Nicola Mazzuca, e di tutti i colleghi che hanno avuto modo di apprezzarne la doti umane e professionali".

“Ho conosciuto Paolo Bernini nel marzo 1981 quando entrai per la prima volta nel reparto di radioterapia oncologica dell’ospedale di Livorno e da quel momento abbiamo lavorato insieme per 25 anni - si legge in un messaggio di cordoglio scritto dal presidente del collegio di primari, Manrico Bosio- In quegli anni nel nostro reparto di eseguivano anche le chemioterapie sia per le neoplasie solide che per le patologie ematologiche quali linfomi e mielomi mentre le leucemie erano dirottate all’ematologia di Pisa. Poi, progressivamente, con lo sviluppo dell’Oncologia Medica e dell’Ematologia, ci siamo dedicati alla Radioterapia in modo esclusivo. Questa Disciplina, con il passar degli anni ha subito uno sviluppo tecnologico impressionante che ha permesso a questa Specialità di ottenere dei risultati impensabili fino ad arrivare ad eguagliare i risultati della chirurgia per alcune patologie neoplastiche. Insieme con Paolo abbiamo vissuto questa grande evoluzione della Radioterapia dalla fase pionieristica degli anni ‘80 fino ai grandi risultati clinici con l’avvento dell’alta tecnologia a partire dagli anni ‘90. Paolo si dedicò moltissimo alla brachiradioterapia per le patologie neoplastiche ginecologiche, del cavo orale e della cute con l’utilizzo di radioisotopi sigillati quali, ad esempio, l’Iridio più generalmente definiti i “sostituti del Radium”, molto più maneggevoli e che permettevano una geometria di infissione più favorevole per il paziente ed una maggiore radioprotezione anche per l’operatore. Era una persona piacevolissima, un livornese di “Salviano” con cui si passava gradevolmente il tempo libero ; non dimenticherò mai una vacanza estiva trascorsa con Paolo nell’Isola Egea di Lesbo. Ciao Paolo, non ti dimenticheremo mai, a partire dal nostro storico primario, Guido Atzeni, fino a tutti i medici e gli infermieri che lavorarono con te”.

La funzione religiosa sarà celebrata oggi, 28 Settembre, alle 15,15 alla camera mortuaria dell'ospedale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'adolescente è morto nella serata di ieri buttandosi dal sesto piano di una palazzina. Sul posto è intervenuto il 118 ma non c'era più niente da fare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità