Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:52 METEO:LIVORNO12°17°  QuiNews.net
Qui News livorno, Cronaca, Sport, Notizie Locali livorno
giovedì 25 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Attualità mercoledì 20 gennaio 2021 ore 19:00

Crisi Covid, 2 milioni per potenziare i servizi

Le risorse arrivano dal Programma operativo regionale del Fondo Sociale Europeo e sono state assegnate al Comune capofila per il progetto ResiLIamo



LIVORNO — Dal Programma operativo regionale del Fondo Sociale Europeo arrivano due milioni di euro per potenziare i servizi legati alla crisi sanitaria e sociale. Sono le risorse assegnate al Comune di Livorno come capofila della zona distretto per il progetto ResiLIamo

Lo annuncia per mezzo di una nota l'assessore al Sociale del Comune di Livorno Andrea Raspanti, spiegando che le somme saranno utilizzate per potenziare le attività di assistenza sociale a domicilio per le persone non autosufficienti e per estendere il servizio educativo domiciliare rivolto ai minori dei nuclei svantaggiati (un milione di euro), per rafforzare l'attività di supporto alle persone e alle famiglie in difficoltà nel pagamento degli affitti (700.000 euro) e per realizzare azioni di sostegno economico ed alimentare a favore dei redditi più deboli (300.000 euro).

"Queste risorse- sottolinea l'assessore Raspanti - vanno ad aggiungersi a quelle già stanziate il Bilancio e ci permetteranno di proseguire il lavoro di estensione delle tutele sociali lungo quattro assi di intervento: non autosufficienza e disabilità, casa, infanzia e famiglie, bisogno alimentare. Insieme alla Asl e ai Comuni di Collesalvetti e Capraia, stiamo lavorando per potenziare ed estendere il servizio di assistenza domiciliare, prevedendo anche la possibilità di prestazioni straordinarie urgenti per chi è in quarantena o in isolamento e ha in famiglia una persona con ridotta autonomia personale".

Sul fronte di competenza più direttamente comunale, la scelta dell'amministrazione è stata di orientare le risorse sui servizi di sostegno alle famiglie con bambini, sugli affitti e sul bisogno alimentare.

"Attiveremo più ore di educativa territoriale e nuovi servizi di sostegno alla genitorialità per qualificare in senso pedagogico l'ambiente di vita dei bambini e per contribuire alla prevenzione delle crisi familiari - spiega Raspanti- Sarà possibile anche attivare un supporto alla didattica per bambini e ragazzi che si troveranno a seguire le lezioni a distanza. Erogheremo inoltre un pacchetto straordinario di contributi finalizzati alla prevenzione degli sfratti per morosità incolpevole e infine potremo potenziare ulteriormente l'attività di sostegno alle famiglie in difficoltà nella soddisfazione dei bisogni primari, con particolare attenzione ai nuclei con neonati e figli fino a 24 mesi di età".

Sarà la conferenza integrata dei Sindaci della Zona Livornese a definire nel dettaglio nei prossimi giorni le modalità operative di utilizzo delle risorse.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Toscani in TV

Attualità

Attualità